Sei qui:

DeltaBlues 2019

PDF  Stampa  E-mail 
deltablues 2019 home ROSA BRUNELLO Y LOS FERMENTOS & HUMPTY DUO
Venerdì 14 giugno 2019 - ore 21,30
Parco Villa Marchiori dei Cappuccini - Riviera del Popolo, 103 - Lendinara
MARCO VEZZOSO QUARTET & ELOISA ATTI QUARTET
Domenica 16 giugno 2019 - ore 21,30
Parco Villa Malmignati - Riviera San Biagio - Lendinara

 

Venerdì 14 Giugno 2019 - ore 21,30
Parco Villa Marchiori dei Cappuccini - Riviera del Popolo, 103 - Lendinara

ROSA BRUNELLO Y LOS FERMENTOS

Rosa Brunello fin dal 2015, anno in cui ha fondato Los Fermentos, ha sempre avuto grande attenzione al suono, sia acustico che elettronico, oltre al desiderio di creare un gruppo con una forte identità, un sound d’impatto definito e compatto.
Il suo primo lavoro discografico Camarones a la plancha (Zone di Musica, 2012), vede prevalente melodie che riportano ai colori caldi del Mediterraneo. Nel 2016 pubblica Upright Tales per l’etichetta Cam Jazz con un quartetto con David Boato (tromba), Filippo Vignato (trombone), Luca Colussi (batteria).
Dopo due anni vissuti tra Berlino, Parigi ed Amsterdam, Rosa scrive nuove composizioni per il terzo CD Volverse – Live in Trieste (Cam Jazz 2018), registrato live dopo un intenso tour di concerti in Europa, confermando il quartetto con l’aggiunta dell’elettronica.
Con Shuffle Mode, per Cam Jazz il 15 febbraio 2019, Los Fermentos sono ora Michele Polga al sax tenore ed elettronica, Frank Martino alla chitarra ed elettronica, Luca Colussi alla batteria e Rosa  al contrabbasso, basso elettrico, synth e voce. È un progetto con suoni acustici, elettrici ed elettronici, che supera i confini dei generi, con l’obiettivo l’intrecciarsi di sonorità jazz ed elettriche, rock e dub, elettronica e libera improvvisazione, confermando l’accezione di una musica senza confini
 
HUMPTY DUO

Humpty Duo, formazione composta da due giovani e talentuosi musicisti udinesi, Luca Dal Sacco, chitarra, e Matteo Mosolo, contrabbasso, propongono un’originale interpretazione in chiave jazzistica di canzoni (fra cui le celebri Roxanne e Message in a Bottle) tratte dal repertorio di Sting.
Il progetto, ambizioso e curato nei minimi dettagli, parte da quelle canzoni per evolversi in un jazz acustico intriso di cantabilità e di groove. Il titolo scelto per il loro CD «Synchronicities», richiama direttamente uno dei capolavori dei Police e svela al tempo stesso quel principio invisibile che connette e lega chitarra acustica e contrabbasso: il principio della sincronicità, che Sting aveva definito impercettibile ed inesprimibile.
 
 
Domenica 16 giugno 2019 - ore 21,30
Parco Villa Malmignati - Riviera San Biagio - Lendinara
 
MARCO VEZZOSO QUARTET

Marco Vezzoso è un trombettista jazz nato ad Alba. Si diploma al Conservatorio di Torino e frequenta numerose master class  con alcuni dei più celebri trombettisti italiani ed europei.
Da sei anni risiede in Francia dove è professore di tromba jazz presso il Conservatorio Nazionale di Nizza. Dal 2018 è inoltre endorser ufficiale del marchio svizzero SPADA, fabbricante artigianale di trombe e flicorni di altissima qualità.
Nel corso degli anni si esibisce nei più importanti festival Europei come leader, sideman, arrangiatore, direttore di big band, direttore di ensemble vari, tra il jazz e la musica classica.
Nel 2014 registra il suo primo album da leader, “Jazz à porter”, contenente brani da lui scritti, edito dall’etichetta discografica Map di Milano e distribuito da Egea. Collabora attivamente con la RAI di Roma per la quale compone il brano “Resta in camera Bi”, sigla del programma “Tra Poco in Edicola” di Radio Rai 1.
Nel 2015, la Davinci Editions, label giapponese, registra e pubblica il suo concerto tenuto ad Osaka, con distribuzione Egea. Per promuovere quest’ultimo lavoro discografico e il suo universo musicale, tra agosto e settembre 2017 l’artista, accompagnato dal pianista Alessandro Collina, ha effettuato una tournée in Cambogia, Indonesia e Giappone per un totale di 16 concerti.
Dopo aver conquistato consensi all’estero con il suo jazz raffinato, il trombettista pubblica un nuovo album nel marzo 2018, intitolato “Guarda che Luna… Again” (Davinci Edition/Egea);  un percorso tra i grandi classici della canzone italiana che Marco Vezzoso ha rivisitato in chiave personale, proprio su richiesta della label giapponese che lo pubblica. Nel corso del 2018, per la promozione di questo suo lavoro discografico e grazie alla partenership con i marchi “Spirit Torino” e “Spada Music”, il suo “Guarda che Luna Tour” ha toccato diverse città della Francia, dell’Italia, dell’Indonesia, della Malesia e della Repubblica Ceca, riscuotendo ottime critiche.
In quanto a novità, l’ultimo progetto firmato Vezzoso è il nuovo album di inediti  “14.07 du Côté de  l’Art”. Editato e distribuito da EGEA nel 2019, il lavoro discografico è strutturato in un doppio CD: il primo contenente musiche originali e il secondo musiche e testi poetici dedicati alla strage terroristica di Nizza del  14 luglio 2016.
 
ELOISA ATTI QUARTET

Eloisa Atti, cantante e musicista bolognese, ha fatto parte per sei anni del prestigioso Piccolo Coro dell’Antoniano, diretto da Mariele Ventre, grazie al quale dalla più tenera età ha conosciuto l’esperienza del palco, della televisione, della sala d’incisione e delle tournée in Italia e all’estero. Ha inoltre partecipato a sei edizioni del festival internazionale dello “Zecchino d’Oro” e al film “Dancing Paradise” di Pupi Avati.
Figlia del poeta bolognese Luciano Atti, da bambina riscuote un discreto successo tra gli appassionati della musica tradizionale bolognese comparendo in diverse trasmissioni della rete “Videobologna” dove canta in dialetto assieme ad Agostino Sassi.
Nella sua formazione, oltre all’ascolto attento e appassionato dei dischi – da lei stessa indicati come i maestri che ha frequentato con più assiduità – vi sono lo studio del violino presso il Conservatorio G.B. Martini di Bologna, le lezioni con la cantante di Chicago Laverne Jackson, il Biennio di formazione superiore in canto jazz presso il Conservatorio A. Buzzolla di Adria, la partecipazione a diversi workshop di artisti come Bob Stoloff, Rachel Gould, Mark Murphy, Jay Clayton, Luciana Souza, Steve Gut, Barbara Casini
Si laurea con lode in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso l’Università di Bologna con una tesi dal titolo: “La musica nera proposta come strumento didattico integrativo all’insegnamento della lingua inglese” e dal 2007 è docente d’inglese per i Corsi Accademici di Triennio e Biennio Jazz presso il Conservatorio A. Buzzolla di Adria.
Ha esperienze live significative e durature come interprete e come compositrice con Caputolindo, Hammond Bandits, Eloisa Atti Jazz Quintet, Acerocielo e con il duo più che decennale con il chitarrista Marco Bovi, col quale ha inciso tre dischi.
Voce morbida e colorata d’intime sfumature, ha alle spalle collaborazioni con artisti quali Jimmy Villotti, Patrizia Laquidara, Mirco Mariani, Fabio Morgera, Enrico Farnedi. Partecipa in studio a progetti originali di Sacri Cuori, Francesco Giampaoli, Giacomo Toni, Mara Luzietti, Daunbailò, DJ Farrapo, Riccardo Lolli, Internote.
Ha fatto parte stabilmente di spettacoli teatrali e televisivi, come “Mai dire Martedì”, il “Nuzzo Di Biase Show” con Maria Di Biase e Corrado Nuzzo, “Tutti Maracani” di Jimmy Villotti, “L’Antropofono” di Matteo Belli, “Al di là dello Specchio Fatato” di Alessandra Merico e Giuseppe Zonno, basato su un testo di Cinzia Demi, “Le Ricette del Buonumore” con Angelica Zanardi, “La Leggenda del Vecchio Marinaio” di Massimiliano Sassi e Uliana Cevenini.
Dopo la realizzazione di due album con i “Sur” assieme a Francesco Giampaoli – “Sur” e “Il Limite” – presenta a suo nome “Penelope”, con la produzione artistica di Francesco Giampaoli (Brutture Moderne), da lei interamente ideato e composto. Le musiche di “Penelope” costituiscono anche la colonna sonora dello spettacolo “ODI A SE’”, col quale Alessandra Merico e Giuseppe Zonno hanno vinto il “Teglio Teatro Festival” in Valtellina. Fa parte della compagnia Background Teatro. Ha preso parte al video di “Penelope”, con protagonista Alessandra Merico, per la regia di Biagio Fersini. Il suo album “Edge” mixato a Tucson dal leggendario Craig Schumacher e masterizzato in Italia da Giovanni Versari (Grammy 2016 ai Muse per “Best rock album “), “Edges” è un lavoro del tutto originale. Il sound americano tra country-jazz, blues e folk prende un colore sorprendente grazie al gusto italiano per la melodia. Le canzoni di Eloisa Atti, a cui sta stretto il termine “genere” , richiamano alla memoria una classicità connessa ad emozioni che si credevano perdute.

 

ENTRATA € 5,00



Vedi locandina pdf

Vedi anche:

www.deltablues.it/programma-2019/

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.



Per informazioni:
Biblioteca Comunale "Gaetano Baccari"
sede Sede: Via G. B. Conti, 30 - Lendinara
telefono Tel. 0425 605665-6-7-8
fax Fax 0425 605667
email E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Per essere aggionati su iniziative, manifestazioni della città e sugli eventi del Teatro Comunale Ballarin, iscrivetevi alla nostra Newsletter


Scarica la nuova app del comune di Lendinara
logo-municipiumQR Code Download applicazione iOS e Android
(inquadra il QR code per il download dell’applicazione per iOS e Android).
In alternativa cerca Municipium su App Store o Play Store del tuo smartphone.